Translate

Pagine

mercoledì 31 luglio 2013

come smaltire un po' di pigmenti (per fare posto a nuovi colori!!!)

Avevo tanti ombretti e blush in polvere libera che usavo poco perché ultimamente ho poca voglia e tempo di truccarmi, ma siccome sono colori meravigliosi e mi dispiaceva farli svernare lì e siccome so già che mi farò contagiare dai nuovi colori e dalle nuove collezioni autunno inverno, ho deciso di usarli in maniera alternativa ma efficacie!

Ecco quindi che vi presento, con la gentile collaborazione del signor Giampiero di MINERALIBERI che ha fornito le materie prime a prezzi non esorbitanti come su altri siti:

BLUSH IN CREMA SWINGING LONDON neve makeup
ILLUMINANTE IN CREMA peaches'n'cream umakeitup
ROSSETO FIRECRACKER umakeitup




BLUSH IN CREMA

1 gr di amido di riso
5 gr di olio di mandorle
1 gr di olio di jojoba
2 gr di cera (d’api o candelilla)
2 gr di blush swinging london
1 gr di vitamina E (tocoferolo)
1 gr di ossido di Zinco (o diossido di titanio)
Qb di aromi o olio essenziale

Come fare:
si miscelano tutte le polveri nell’olio di mandorle così si stemperano bene, nel frattempo si sciolgono a bagno maria le cere e l’olio jojoba e poi si uniscono i due composti miscelando il tutto prima di metterlo nel contenitore a solidificare

a cosa servono le sostanze:

amido di riso e ossido di zinco ( se dovete comprarlo il diossido di titanio fa ancora meglio, ma io avevo solo l’ossido, se invece non volete comprarlo potete usare del talco) mi servono per migliorare la coprenza e la aderenza del colore.
il mix di cera e olio permette di ottenere una crema che non si risolidifichi troppo (come succede ad esempio con le candele)
la vitamina E serve per non far irrancidire gli oli, di solito si trova anche in erboristeria, se volete farne a meno tenete presente che il prodotto avrà vita più breve
il profumo è facoltativo ma è anche la prima cosa che percepiamo di un prodotto! Senza ammattire tanto ci sono gli aromi per dolci che vanno benissimo, attenzione però che siano lipofili (cioè si sciolgano nel grasso) ad esmpio all’esselunga prendo l’aroma di arancio che è perfetto, altrimenti vanno benissimo 1-2 gocce di olio essenziale.

Risultato: il classico effetto “bonne mine” (buona salute), come quel naturale rossore dopo una corsa o una giornata all’aria aperta, è una consistenza perfetta per l’inverno o per le pelli secche, per l’estate, come tutti i prodotti in crema, li consiglio con sopra una passata di cipria, altrimenti sudando ci portiamo via tutto!

ROSSETO FIRECRACKER umakeitup

2 gr cera
0,5 gr olio jojoba
2 gr di burro di cacao
2,5 gr di olio di ricino
0,5 gr alcol cetilico
1 tocoferolo
1 colore
0,5 ossido di zinco
Qb aroma e profumo

Come fare:
si miscelano tutte le polveri nell’olio così si stemperano bene, nel frattempo si sciolgono a bagno maria le cere, l’olio jojoba, l’alcol cetilico e il burro; uniamo i due composti e aggiungiamo aroma e profumo prima di metterlo nel contenitore a solidificare (vanno benissimo le jar che trovate sia sul sito nevecosmetics che su quello di mineraliberi che quelle che vende KIKO, altrimenti ci sono degli stick appositi pronti per essere riempiti senza bisogno di stampo per rossetti, io li trovo sempre su mineraliberi ma credo ci siano anche su amazon)

a cosa servono le sostanze:

ossido di zinco, mix di cera e olio, tocoferolo e aromi vale quanto detto sopra
l’olio va bene anche di mandorle,argan,riso  ma quello di ricino è più specifico per idratare e rigenerare le labbra
io ho usato in particolare una bustina di vanillina e una goccia di olio essenziale di limone, è un mix che mi piace molto e ricorda un po’ il profumo dei rossetti neve makeup.
l’alcol cetilico serve a migliorare la scorrevolezza del prodotto e dare più lucidità ma non è fondamentale.

Risultato: colore moderatamente coprente, pasta idratante e di buona tenuta,


ILLUMINANTE IN CREMA Peaches 'n' Cream umakeitup

Questa formula l’ho presa dal forum di LOLA, ma ho dovuto variarla un po’ perché mi era rimasto troppo asciutto per poterlo spalmare tranquillamente

1,5 g talco
2 g pigmento
1 g amido
5 g olio
1 g jojoba
0,5 g tocoferolo
0,8 g cera


A cosa servono le sostanze: valgono le cose dette sopra
Risultato: la foto è piccola e la luce è quella che è purtroppo, ma il risultato è molto luminoso, facile da sfumare e adatto anche come ombretto in crema o base ombretto (io non amo le consistenze cremose sulla palpebra mobile quindi lo uso principalmente come illuminante sotto l’arcata e sugli zigomi)




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...