Translate

Pagine

domenica 18 agosto 2013

Colorarsi i capelli a casa

avete presente il corridoio del supermercato dove campeggiano tutte le marche di prodotti per capelli più note con le loro accattivanti pubblicità, è facile farsi tentare dal fai da te! 
E siccome sento tanti discorsi di tentativi più o meno ben riusciti, oggi vorrei parlare di colorazione per capelli.
l'argomento sarebbe in realtà lungo e meno facile di quanto sembra, ma cerchiamo di semplificare al massimo il discorso.
ci sono tanti tipi di colorazione, dagli spray colorati che se ne vanno in un solo sciampo alle colorazioni permanenti ad ossidazione, che sono le più vendute e quelle quindi di cui parleremo anche noi. 
La colorazione ad ossidazione funziona per azione dell'ossigeno che da una parte schiarisce i pigmenti naturali  mentre dall'altra sviluppa il colore artificiale che si fissa così sui capelli. 
Ci sono diversi tipi di colorazione ad ossidazione: non schiarente ( detta tono su tono), schiarente ( la classica "tinta") e super schiarente ( per schiarire al massimo anche i capelli scuri)

Tono su tono
È quella che più genera confusione perché è spesso chiamata bagno di colore o riflessante il che fa pensare a qualcosa che viene via completamente e che non intacca il colore naturale, ma non è proprio così; questa colorazione è senza ammoniaca e non intacca il tono naturale dei capelli ma si sovrappone a quello che trova.  In pratica funziona come lo smalto delle unghie: piu volte lo passi e più scurisce quindi se tutte le volte lo si passa su radici lunghezze e punte prima o poi ci si ritrova con la radice del colore scelto e le lunghezze molto più scure! In oltre bisogna ricordare che, come abbiamo detto, questa colorazione non schiarisce quindi si possono scegliere solo nuances in tono con la nostra: ad esempio chi ha capelli castani potrà scegliere tra le tonalità dei marroni come il cioccolato, il mogano, il castano scuro etc...
Quando usarla: per lucidare un colore spento, per ridare colore a meches sbiadite, per dare un riflesso diverso alla nostra capigliatura, per scurire il nostro colore di uno o due toni
Quanto dura: il riflesso si attenua con gli sciampo ma non se ne va completamente

La colorazione classica
Qui si entra già in un campo più complesso, sconsiglio drastici cambi a chi non è esperto altrimenti si rischia, per risparmiare su una seduta di parrucchiere, di spendere il triplo per rimediare al danno fatto!
Detto questo, con questo prodotto si riesce a schiarire il nostro colore naturale anche di due toni quindi,ad esempio, un castano potrà passare ad un biondo miele o un biondo cenere ad un biondo chiaro. Ricordiamoci che il colore ad ossidazione si "sostituisce" a quello naturale quindi le successive applicazioni sarà sufficiente applicare solo il colore alla radice, e passarlo casomai 5 minuti sulle lunghezze per lucidare quello che già c'è.
Quando si usa: quando si vuole cambiare il colore di capelli, quando vogliamo scurire fino a due toni ( con il tono su tono per scurire capelli chiari non sempre regge e a volte vira di riflesso)
Quanto dura: è permanente, per rimuoverla occorre un trattamento particolare, chiamato decapaggio, da fare dal parrucchiere

La Colorazione super schiarente è sempre una colorazione permanente e  lavora schiarendo di molto il colore naturale; attenzione perchè con questa tipologia di colore è facile combinare casini se non si è esperti, specie se si parte da capelli scuri ( fare un biondo giallo uovo o verdino è un attimo!!!)

Consigli utili: 

- non lanciatevi in esperimenti kamikaze, è vero che sono solo capelli ma perchè rovinarli?
- mettete sempre i guanti per mettere e soprattutto sciacquare i colori ( anche le unghie sono fatte di cheratina come i capelli e si macchiano)
- leggete sempre bene le istruzioni d'uso
- fate un test di allergia mettendo un po' di colore puro sull'incavo del braccio o dietro l'orecchio e controllate dopo 24 ore ( niente cerotti o simili, una volta asciutto il colore non macchia)
- sulle confezioni spesso ci sono indicazioni su che colore di capelli si ottiene a secondo del colore naturale da cui si parte, di solito sono attendibili

domenica 4 agosto 2013

Last night out

Ieri io e mio marito ci siamo concessi una cena romantica prima dell'arrivo della piccola. Era caldo e si sudava ma con un bimbo piccolo sono rare le occasioni di uscita in due e con il secondo ce ne saranno ancora meno per un po' , quindi ho sfidato le temperature e mi sono lanciata in un trucco un po' più completo per la nostra seratina fuori.
Ho steso sul viso, al posto dell'idratante, la BB cream nude magique L'oreal per pelli medie e il primer occhi kiko. 
Per il trucco occhi (che è quello che più amo fare mentre tendo sempre a trascurare un po' le labbra), ho usato la palette 5 colori di Dior 790 "stylish move"

Utilizzando il rosa chiaro sulla palpebra mobile, con un pennello a penna ho usato il colore più scuro per enfatizzare l'angolo esterno e la piega ed infine, con un pennello a goccia ho usato il malva intermedio per unire le sfumature. 
Il bianco al centro della palette l'ho usato solo sotto l'arcata sopraccigliare (praticamente l'unico che non ho usato è il marrone rosato in alto a sinistra). 
Le palette Dior mi hanno sempre entusiasmato per i colori, ma ultimamente le trovo qualitativamente diverse: scrivono meno e le tonalità, una volta sul l'occhio, tendono a confondersi un po'mentre prima avevano un tono più deciso anche se di sfumatura simile. 
Un gran peccato! anche se il mio portafoglio è contento!


Una sottile riga di eyeliner master drama nero ( per altro bello intenso e facilissimo da usare) e sulle guancie il Blush in crema che ho fatto io con il Swinging London di neve ( se volete la ricetta è nell'ultimo post prima di questo) che per altro, fissato con una leggerissima spolverata di cipria ha retto inalterato tutta la sera!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...