Translate

Pagine

mercoledì 23 novembre 2016

Come scegliere l'agenda perfetta per te

Ciao a tutti,
quello di oggi è un post che ogni persona che si accinge a comprare una agenda vorrebbe leggere! Almeno a me avrebbe fatto molto comodo e risparmiato acquisti sbagliati che, per le agende come nel makeup, sono sempre una brutta cosa fastidiosa!!! 
Vediamo insieme i principali formati delle agende con i loro pro e i loro contro più qualche idea su cosa valutare prima di acquistare la nostra organizer.


Le mie "bambine" una A5 e una Personal (ne ho due ma in foto ne vedete una sola) prese su Aliexpress , una pocket filofax e un quaderno A6 Fabriano che sto utilizzando come bullet journal

Il primo suggerimento che mi sento di darvi è questo:
Siete veramente convinti di usare la vostra agenda tutti i giorni?
Oppure la cercate solo per tenere traccia di alcune cose (diario alimentare, spese di casa, acquisti etc...)?

Al di là dell'ovvietà nella decisione (se te la devi portare in giro sceglierai un formato più maneggevole), sapere quanta convinzione si ha è anche un indice di quanto si può decidere di spendere per il nostro nuovo bene.

A seconda della marca e del modello, infatti, i prezzi spaziano da pochi euro a centinaia!
il mio consiglio è di iniziare con qualcosa di semplice, il bello degli anelli è che basta spostare i fogli in un'altro binder (la cover con gli anelli per capirsi) e puoi avere un'agenda nuova senza riscrivere i contenuti!

Consiglio quindi un giretto dai vari Tiger e negozietti cinesi, oppure, se non avete troppa fretta, visto che ci vuole almeno un mese per ricevere la merce,  Aliexpress riserva sempre belle ed economiche sorprese!

Quanto ai materiali la simil pelle o la saffiano (quella con trama in rilievo) sono a mio avviso le più resistenti, i modelli "patent"della Filofax o simili in materiale lucido o metallizzato, sono davvero belli da vedere, ma si graffiano con una facilità estrema e, in particolare quelle lucide, tendono a fare attrito o appiccicarsi con qualsiasi altra cosa abbiate in borsa che sia di plastica (pochette, fazzoletti, pacchetto di sigarette etc...) ed è alquanto fastidioso!!!!

Le diverse chiusure possibili delle agende: elastico, molto comodo solo se si ha una cover bella rigida; la fibbia, perfetta anche se la agenda è strapiena perchè chiude comunque; il bottone, il più elegante ma il meno versatile

Per la chiusura della agenda ci sono i bottoni, gli elastici e le fibbie... scegliete in base al vostro uso; mi spiego: il bottone è bello ed elegante, ma per chi apre e chiude spesso l'agenda è poco funzionale e rischia di rompersi; in oltre, se avete parecchi fogli all'interno, può impedire una corretta chiusura, cosa che di può invece ovviare con la chiusura a fibbia che regge bene anche se l'agenda strabuzza!!!

La chiusura con l'elastico è decisamente comoda e permette di compattare ancora di più le dimensioni dell'agenda; l'unico difetto è che, se la vostra agenda non ha una cover sufficientemente rigida, si possono piegare anche le pagine al suo interno!

Ma veniamo al pratico ed iniziamo a guardare i diversi formati delle agende ad anelli che ho provato nel tempo, senza dilungarsi troppo sulle dimensioni ufficiali 

A5 (cover 17x23 altezza 3,5; dimensione refill 15x21)

Il formato A5 è sicuramente il più comodo per i suoi spazi di scrittura, ma il meno maneggevole da portarsi in giro


E' il formato perfetto per l'agenda di casa, con sufficiente spazio di scrittura ma non troppo ingombrante; c'è chi ama avere un'agenda unica per tutto, in quel caso spesso è gioco forza che quest'ultima sia grandina altrimenti non ci stanno tutte le sezioni necessarie; tenete presente che, una volta piena , pesa abbastanza e diventa per me poco maneggevole da portarsi in giro anche se si hanno borse grandi. 
Il lato davvero comodo di questa agenda è però che non ti devi sbattere più di tanto per i refill: piegando in due un foglio A4 sei già a posto e praticamente ogni stampante ha la possibilità di adattare la stampa in A5 per cui anche farsi i refill ed i divisori diventa un gioco da ragazzi!

La differenza di dimensioni tra i divisori di una A5 e una personal; entrambi li ho fatti da me, quello personal seguendo i passaggi che vi avevo spiegato in questo video, quello della A5 senza plastificatrice come vi avevo fatto vedere qui


PERSONAL (cover 13x18,5 altezza 3,5; dimensione refill 9,5x17,1)

Tra il formato personal e quello A5 è evidente la differenza di spazio e dimensioni, la misura personal risulta, a mio avviso, il miglior compromesso

E' il formato che hanno quasi tutti, è forse il miglior compromesso tra compattezza e spazio, ma ha comunque la sua discreta dimensione che in borsa si fa sentire! il lato positivo è che, anche se prendi appunti al volo, gli anelli non ti danno fastidio più di tanto e non tolgono troppo spazio di scrittura (come accade invece per un modello che vedremo dopo) riesce ad accogliere discretamente 6 sezioni diverse con relativi refill e, per chi ama decorare le pagine e le settimane, lascia spazio alla fantasia 

COMPACT (cover e refill come personal, altezza 2,5 diametro anelli 1,5)

Il formato compact, con i suoi anelli più piccoli e stretti, unisce la praticità della personal ad una dimensione più ridotta


E' il primo formato che ho acquistato, differisce dalla personal solo per il formato degli anelli che sono più stretti; è compatta, come dice il nome, e quindi pratica da portarsi in giro, ma gli anelli più piccoli permettono meno sezioni e per me diventa troppo affollata! 

Una sua variante è la pennybridge che unisce il formato di agenda compact con un binder a portafoglio; questa è sicuramente un'idea furba, permette di risparmiare spazio prezioso in borsa ed avere con se tutto in un unico oggetto. Il lato negativo da considerare è che, se avete l'agenda aperta per scrivere, e non siete su un tavolo, avete anche la parte portafoglio aperta, quindi attenzione a soldi e carte!

POCKET (cover 11x14,5 altezza 2,5; dimensione refill 12x8,1)

Un raffronto dimensionale tra la Personal e il formato Pocket, gli anelli hanno lo stesso spessore ma lo spazio di scrittura è decisamente ridotto specialmente per via dell'ingombro degli anelli sulla pagina


E' stato il mio ultimo acquisto, cercavo qualcosa di piccolo e completo da tenere in borsa e ho optato per questa. Con il senno di poi sinceramente non so se la riacquisterei: è effettivamente di dimensioni ottimali per qualsiasi borsa, e lo spazio di scrittura non è poi tanto diverso da quello della personal, il problema è che se hai bisogno di scrivere un appunto in velocità gli anelli sono davvero ingombranti e finisce che ti porti via mezza pagina !!! Se volete altre informazioni su questo formato vi rimando al video unboxing della agenda acquistata su paperchase

La differenza di spazi tra il formato personal e quello pocket con una rappresentazione dell'ingombro degli anelli in fase di scrittura


Quale dunque il mio consiglio? se non avete ancora ben chiaro cosa fare e cosa inserire nella vostra agenda, prendetevi una personal e state sereni! quantomeno è il modello anche più facilmente rivendibile nei tanti gruppi facebook (uno su tutti il cartopazze shop). 

Quanto a me sto attualmente usando il metodo del bullet journal (trovate il video con il mio primo set up qui, se volete), ed è un metodo che mi piace molto, ma la flessibilità degli anelli mi manca troppo! credo che proverò ad usare la mia pocket come bullet e vedremo...

E voi, come scegliete la vostra agenda da portare con voi?


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...